Vi trovate qui: Home / active / Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO

Come si sono formate

Il patrimonio mondiale dell'UNESCO delle Dolomiti è parte delle Alpi meridionali ed è caratterizzato dall'esclusiva roccia dolomitica: il suo incantesimo vi ammalierà durante la vostra vacanza nel family hotel in Val Pusteria. La genesi di questo tipo di roccia inizia attraverso l'accumulo di conchiglie, coralli e alghe calcaree in ambiente marino e tropicale (simile all'attuale barriera corallina). In particolare, questi accumuli ebbero luogo nel Triassico, circa 250 milioni di anni fa, in zone con latitudine e longitudine molto diverse dall'attuale locazione delle Dolomiti, dove esistevano mari caldi e poco profondi.

Lo scontro tra le lastre adriatiche e quelle eurasiatiche ha spinto l'intera regione alpina, trasformando le Dolomiti in montagne.

Le diverse caratteristiche delle formazioni rocciose nelle Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO, che potrete ammirare durante la vostra vacanza presso il Windschar, il nostro hotel a Brunico con spa, sono molto interessanti. I massicci dello Sciliar e del Sella sono a forma di grande tavola piatta, con ampi altipiani che si estendono fino all'Alpe di Siusi. Al contrario, ci sono i massicci fortemente frastagliati, come le Tre Cime e il Catinaccio. Le parti rocciose sono di origine vulcanica: le condizioni meteorologiche hanno permesso la creazione di avvallamenti arrotondati.

Il nome

Il nome “Dolomiti” deriva dal geologo francese Déodat de Dolomieu (1750-1801), che fu il primo a descriverne le caratteristiche. Prima del nome “Dolomiti” era molto diffusa la definizione “Monti Pallidi”. La "dolomia" descritta da Dolomieu è un minerale, un carbonato di calcio e magnesio, contenuto in diverse proporzioni nei sedimenti calcarei grigio-biancastri della roccia delle odierne Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO.

La lingua

Nelle valli – un tempo inaccessibili – delle Dolomiti, Patrimonio mondiale dell'UNESCO, solamente una lingua è sopravvissuta fino ai nostri giorni: il ladino. È una lingua romanza che si è evoluta dal latino volgare molti secoli fa nella regione alpina. Il confine linguistico tra tedesco e italiano si estende anche nella zona delle Dolomiti, Patrimonio mondiale dell'UNESCO, come vedrete e sentirete nelle vacanze estive nelle Dolomiti o nelle vacanze invernali presso il nostro hotel a Plan de Corones. Nelle valli dolomitiche dell'Alto Adige (Val Gardena e Badia) vengono parlate correttamente tutte e tre le lingue: italiano, tedesco e ladino.

La storia

Tra il 1866 e il 1918, il confine italo-austriaco attraversava le odierne Dolomiti – Patrimonio mondiale UNESCO. Alto Adige, Trentino, Col di Lana e Cortina erano territori austriaci. Durante la prima guerra mondiale (1915-1918) l'Italia si schierò con l'Intesa e proprio in questa zona correva il fronte: in molti posti ci sono ancora tracce di tunnel della guerra. Ben nota è la storia della vetta del Col di Lana, crollata a causa dei bombardamenti. Oggi le Dolomiti, Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, si trovano interamente su territorio italiano – nelle province dell'Alto Adige, Trento e Belluno – e incantano ogni giorno gli abitanti del luogo e gli ospiti del Windschar, il nostro hotel a Brunico.

Windschar

5 di 5 Stelle | TripAdvisor